domenica 17 dicembre 2017

Recensione "Memorie di una Geisha".


Ciao a tutti lettori!
Oggi é un giorno speciale, perché é il compleanno di mia sorella Dania❤
Mi piace paragonarci ad Elizabeth e Jane Bennet da "Orgoglio e Pregiudizio" di Jane Austen. Come le due sorelle del libro appena citato, tutte le sere, prima di addormentarci, ci troviamo ognuna nel proprio letto a parlare e ridere di ogni evento della giornata. È la mia migliore amica, la persona dalla quale posso sempre ricavare un consiglio. 
Essendo la più piccola mi ha sempre difesa e supportata, per questo oggi voglio farle una piccola sorpresa, ossia dedicarle una recensione di un libro amato da entrambe.

Titolo: Memorie di una Geisha
Autore: Arthur Golden
Prezzo: 10 €
Pagine: 571
Editore: TEA
Voto: 5/5 🌸 


Trama:
La storia é narrata dalla protagonista, Chiyo, tramite la cui voce seguiamo le vicende della sua vita. 
Una bambina dagli occhi di un colore anomalo, grigi, i quali saranno la causante della svolta più importante della sua esistenza.
Nata in un villaggio povero, é notata da un mediatore che la venderá ad un okiya, residenza nella quale vengono addestrate e ospitate le giovani allieve nell'arte della Geisha.
In questa dimora tra astuzie, soprusi e ingiustizie, si trasformerá nella Geisha piú richiesta di Kyoto, Sayuri.

Recensione:
Sono sempre stata intimorita dalla mole di questo libro, ma in seguito a una descrizione estasiata di mia sorella mi sono decisa a dargli un'occasione. 
La mia passione per la cultura orientale è da sempre spunto di curiosità su quelle che sono le sue tradizioni e peculiarità.
La narrazione conduce il lettore nel mondo dell'antico Giappone, in cui la Geisha era paragonata ad un fiore raro. 


Seguiamo l'evoluzione dalla quale delle piccole bambine, tramite lo studio della danza, della musica e del canto, si trasformano in donne affascinanti e ammalianti, esperte nell'arte dell'amore, del thé e del portamento.
Questo testo è composto non solo di pagine, ma di profumi. L'odore della cipria durante la vestizione della Geisha, delle spezie con le quali arricchiscono il thé da proporre ai commensali, del bambù nei giardini dell'okiya. 
La scrittura dell'autore è delicata come nelle fiabe, nitida e realistica permette di scorgere i dettagli dei luoghi frequentati dai protagonisti e di apprendere i canoni dell'antico Giappone. 
Non nasconde il lato oscuro della professione di queste donne, definite delle "intrattenitrici". Il loro ruolo era quello di farsi ammirare dagli occhi degli uomini, offrirgli da bere e, se richiesto, cantare, suonare uno strumento, danzare, interloquire o condividere una notte d'amore.
È uno di quei testi che porterò sempre nel cuore, che, al solo vedere la costina sullo scaffale della libreria, mi inonda di forti emozioni.

20 commenti:

  1. Ciao tanti auguri a tua sorella allora! ❤️ Anche io ho amato molto questo libro, lo porto nel cuore ma quello che mi ha emozionata di più è la descrizione del fortissimo rapporto fra voi due sorelle, sono figlia unica e mi sarebbe tanto piaciuto avere una sorella accanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely!
      È un libro meraviglioso, é uno tra i testi che è rimasto nel mio cuore e di cui ho un ricordo molto vivido, nonostante sia passato del tempo da quando lo lessi.
      Dania ti ringrazia tanto per gli auguri :)
      Da piccole litigavamo spesso, perché, lo ammetto, le ero sempre in mezzo ai piedi, ma crescendo abbiamo costruito un rapporto molto forte... sono contenta che le mie parole ti abbiano emozionato :)

      Elimina
  2. Deve essere davvero molto bello questo libro.
    Volevo farti i miei complimenti perché il tuo blog sta letteralmente prendendo il volo!
    Ottimo lavoro e auguri alla sorellina ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri!
      Grazie per gli auguri, ti ringrazia tanto :)
      Grazie anche per i complimenti al blog, anche se da te posso solo che imparare :)

      Elimina
  3. Auguri alla sorella, anche se in ritardo.
    Ho intenzione di leggere questo libro da tantissimi anni ormai, ma finisco sempre per rimandare. Tanto tempo fa ho visto il film, che non mi aveva fatto impazzire, ma secondo i pareri di tanti il libro è molto più bello. Devo proprio decidermi, mi sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazia tanto!
      Non ho visto il film, quindi non so dirti se in confronto al libro sia peggiore o meno, però per quanto riguarda al libro non posso che parlartene bene.
      Prova a dargli un'occasione, sono curiosa di sapere cosa ne pensi.

      Elimina
  4. Bellissima recensione. Hai saputo cogliere le meraviglie di questo splendido libro. Uno di quelli che non si dimentica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Lucia! Un abbraccio grande!

      Elimina
  5. La tua recensione mi ha incuriosita a leggere questo libro che ho sempre un po' snobbato, quindi grazie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver letto quanto scritto da me :)

      Elimina
  6. Letto molti anni fa. Recensione impeccabile!

    RispondiElimina
  7. Adoro questo libro, è di una delicatezza fuori dal comune.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina! Hai perfettamente ragione!

      Elimina
  8. Ciao Diletta, tanti auguri a tua sorella, anche se in ritardo! Conosco il libro ma non l'ho letto, sembra però molto affascinante, mi incuriosisce la particolare tematica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel!
      Ti ringrazia tanto:)
      Spero di averti intrigata con la recensione perché merita molto!

      Elimina
  9. Che bel rapporto avete tu e tua sorella, io sono figlia unica e mi sarebbe piaciuto avere una sorella.😊 Io ho visto il film 🎬 ma non ho letto il libro. Ottima recensione.😊

    RispondiElimina
  10. Bellissima recensione Diletta! Hai proprio ragione sui profumi del romanzo :) Penso sia uno di quei libri che si puo' consigliare andando sul sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Grazie mille! Sì, hai perfettamente ragione! :)

      Elimina