sabato 16 giugno 2018

Recensione "Fairy Tail", volume 1 e 2.


Ciao a tutti lettori!
Le giornate soleggiate dell'ultimo periodo sono stupende, ma la sottoscritta è purtroppo reclusa in casa a studiare, quindi posso ammirare il bel tempo solo dietro ai vetri delle finestre della mia stanza. 
Sono consapevole di aver creato nella vostra mente un'immagine triste, quindi cambio drasticamente il tono del mio scritto confidandovi il mio folle amore verso una nuova serie manga da me scoperta e che mi ha letteralmente rubato il cuore!



Titolo: Fairy Tail
Volumi: 1 e 2
Autore: Hiro Mashima
Categoria: Shounen
Prezzo: € 4,30 a volume
Pagine: 190 a volume
Editore: Star Comics
Voto: 5/5 🌸



Trama:
In un mondo immaginario chiamato Earthland la magia viene comprata e venduta come una merce dai specializzati nell'uso di essa, ossia dai maghi. 
Essi compiono lavori su commissione e sono riuniti in diverse gilde sparse per tutto il paese, raggruppate a loro volta in leghe regionali.
Le gilde legali sono le associazioni di maghi riconosciute ufficialmente dal Concilio della magia, organo composto da dieci membri, strettamente correlato al Governo. 
Tra di esse risalta quella denominata "Fairy Tail", la quale è famosa per il carattere esuberante e per il grande potere dei suoi membri. Tuttavia, questa corporazione è spesso contrastata dal Concilio a causa dell'anomalo comportamento dei suoi maghi e per il modo disastroso e incurante con cui essi compiono il proprio lavoro, motivo per cui, però, il popolo li ammira. 
Le gilde oscure, invece, vivono nell'illegalità e sono fonte di numerosi traffici illeciti e criminosi.


Una giovane maga degli spiriti stellari, Lucy Heartphilia, racchiude nel proprio cuore il forte desiderio di poter entrare a far parte della nota gilda Fairy Tail. 
Lucy, quindi, decide di partire per poter incoronare il proprio sogno, finché un giorno s'imbatte in un ragazzo stravagante, Natsu Dragonil, ed al suo fidato compagno Happy, un gatto parlante. 
Entrambi sono membri della gilda anelata da Lucy e decidono di condurla nel luogo da lei tanto bramato, ossia la sede della corporazione. 
In questo luogo Lucy farà la conoscenza di tanti altri soggetti dotati di un forte potere magico, tra cui Gray, Elsa e Mira Jane.



Recensione:
"Fairy Tail" è sempre stato un titolo capace di destare la mia attenzione, ma di cui ho ripetutamente rimandato l'acquisto.
Sul web i pareri e le opinioni concernenti a questa saga sono svariati e contrapposti, motivo per il quale non ho mai trovato la giusta propensione per buttarmi in questa avventura.
Tuttavia, a seguito di vari titubanze e tentennamenti, ho ceduto alla forte curiosità e ho reperito il primo volume.
Il mio coraggio è stato grandemente ripagato, infatti ho letteralmente divorato il piccolo tomo e ho atteso con ansia l'appuntamento in fumetteria del mese successivo per prelevare il secondo cartaceo di questa magica avventura.
La mia esaltazione è stata causata dalla trama e dal mondo descritto all'interno di esso. 
Le gilde e il mercato della magia sono due delle realtà che hanno maggiormente attirato la mia attenzione. 
Ovviamente la bellezza di questo manga è, però, costituita dalla narrazione sulle vicende della gilda più buffa e strampalata, composta da individui spiritosi ed eccentrici, i quali rendono frizzante e divertente l'intera trattazione.
"Fairy Tail" racchiude, quindi, tutte le connotazioni tipiche di uno Shounen, poiché l'azione, la lotta e la magia sono collegati tra loro da una sottile linea comica.
I protagonisti sono esuberanti ed ognuno di loro ha una dote peculiare capace di contraddistinguerlo, Natsu è abile nel domare il fuoco, Gray è in grado di utilizzare a suo piacimento il ghiaccio, Lucy è una maga degli spiriti stellari. 
Gli iscritti ad una stessa gilda sono accomunati da un piccolo simbolo, un identico tatuaggio raffigurante l'emblema della corporazione, effettuato al momento della loro iscrizione al gruppo. 
I primi due tankobon narrano delle piccole avventure tramite le quali seguiamo Lucy, Happy e Natsu nelle loro peripezie e, grazie ad esse, conosciamo i nostri begnamini, tocchiamo il loro universo ed iniziamo ad apprendere nozioni correlate al loro mondo. 
Il disegno è tra i miei preferiti, mi piace molto lo stile di Hiro Mashima. 
Le copertine sono molto curate, aspetto che apprezzo, poiché talvolta i mangaka si concentrano nel contenuto del tankobon, ma trascurano i dettagli e le minuzie esterne.

In parallelo ho incominciato a guardare l'anime, anch'esso fantastico, il quale riprende pedissequamente e fedelmente il cartaceo, quindi, se siete curiosi di pervenire a contatto con questa storia, potete anche optare per la visione della trasposizione animata.

Nessun commento:

Posta un commento