lunedì 15 gennaio 2018

Recensione "La storia infinita".

Ciao a tutti lettori!
Oggi finalmente vi espongo una novità per il blog che é stata in corso di lavorazione per svariati mesi.
Io e la mia cara amica Cristina❤, ilmondodicry.blogspot.it , abbiamo deciso di aprire la seguente Rubrica "Le letture delle fate del Bosco Atro", dove, a cadenza mensile, vi raccontiamo una lettura che abbiamo condiviso.
Nell'arco del primo periodo saremo noi a selezionare quale sarà il libro, manga o fumetto in questione, ma la nostra intenzione futura é quella di poter coinvolgere anche voi nella scelta, tramite il mezzo della votazione, per creare un rapporto più stretto con i nostri seguaci. 


"Le letture delle fate del Bosco Atro".

Lettura #1: La storia infinita.


Titolo: La storia infinita
Autore: Michael Ende
Prezzo: 11 €
Pagine: 436
Editore: TEA
Voto: 2/5 🌸 


Trama:
Bastiano Baldassare Bucci è un bambino goffo ed impacciato, dotato di una fervida immaginazione ed amante della lettura. 
Un fanciullo triste e perennemente amareggiato a causa della morte della madre, del rapporto burrascoso con il padre e dall'assenza nella propria vita di amici con cui condividere le gioie e i dispiaceri delle sue giornate. 
Un giorno, non volendo tornare a casa, decide di rinchiudersi nella soffitta della scuola per poter leggere un libro, "La storia infinita".
Sarà grazie al testo che inizieranno le magiche avventure di Bastiano. Prima da lettore e poi catapultato all'interno delle pagine, imparerá ad apprezzarsi nelle sue potenzialità e debolezze, ed incontrerà vari personaggi, tra cui Atreiu, il Drago della Fortuna Fùcur e l'Infanta Imperatrice, che lo accompagneranno durante il percorso del suo viaggio.

Recensione:
Sono sempre molto dispiaciuta quando devo giudicare un libro con un voto basso, e specifico, la mia intenzione non è quella di demolire l'opera dell'autore, ma semplicemente esporre i miei pensieri personali.
Quando io e Cristina ci siamo accordate sull'oggetto del primo post della Rubrica ero contenta all'idea di prendere tra le mani un testo che racchiude una storia tanto amata nei miei anni di infanzia. Avevo adorato il film e quante volte ho riguardato la cassetta... troppe! 
Il libro racconta una vicenda all'interno di un'altra, poiché Bastiano a sua volta legge "La storia infinita". Una sorta di scatola cinese, in cui il lettore si trova ad aprire tanti piccoli scrigni per arrivare alla vera narrazione. 
I primi capitoli sono avvicinenti, mi ha divertita il cambiamento di prospettiva dalla realtà concreta di Bastiano al mondo fantastico di Atreiu.
Procedendo con la vicenda purtroppo il mio parere ha incominciato a mutare. Ridondante e prolisso, una volta giunta alla metà del volume ho temuto di doverlo abbandonare. Ho proseguito con la speranza di scorgere una svolta, ma così non è stato.
Michael Ende si è dilungato nell'analisi del racconto, ma l'esito non è stato eccelso ed entusiasmante come quello ottenuto dalla precedente sezione.
Una speciale constatazione voglio esplicarla inerentemente alle descrizioni e raffigurazioni di Fantasia, frutto di una mente ricca di immaginazione, una realtà bizzarra ed irreale come quella onirica dei sogni.
Posso quindi concludere affermando che, essendo uno dei capisaldi del fantasy, sono felice di averlo letto, poiché ho potuto conoscere uno dei famosi antenati di uno dei miei generi prediletti

Personaggio preferito: 
Simpatico e dal cuore buono e puro, il Drago della Fortuna Fùcur. 
Uno dei personaggi che più ho amato e non ha mai deluso le mie aspettative.
Confesso di aver più volte immaginato di poter volare seduta sulla sua groppa per poter vedere Fantasia stretta ed immersa nel suo soffice manto. Ho anche riflettuto sul probabile profumo del suo pelo e ho sempre affermato che l'unico plausibile sia quello dello zucchero filato!

Personaggio meno amato: 
Bastiano Baldassare Bucci.
Al riguardo non posso essere molto precisa, poiché rischio di svelarvi parte dell'evoluzione della trama, ma vi enuncio solamente che in molti spezzoni di testo ho letteralmente detestato la sua arroganza e strafottenza.

Mi raccomando, ora correte a dare una sbirciatina al canale della mia Sailor Mars/Megara Cristina, una ragazza talentuosa, frizzante e solare.

Annuncio: Lettura#2 da concludere entro il termine del mese di febbraio sarà il manga di Ichigo Takano "Orange".

22 commenti:

  1. Sei davvero troppo gentile con me Didi ;)
    è uscito fuori un ottimo post, spero vivamente che i nostri lettori ne rimangano entusiasti e che possiamo presto dare il via alle votazioni per le prossime letture ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara! Sono davvero contenta di averti conosciuta e sei tu quella gentilissima con me.
      Speriamo di avere un buon riscontro, noi l'impegno l'abbiamo messo 😊❤

      Elimina
  2. Ciao! Questo libro è da una vita nella mia wishist, da un lato sono tentata di comprarlo e vedere com'è, dall'altra temo di rimanere delusa.
    Non sono più a scuola e non so se adesso riuscirei ad apprezzare una storia che ai tempi ho amato tantissimo.
    I film li ho visti tutti ^^
    Vediamo, può darsi che nel 2018 mi convinca a provare.
    Un salutone e alla prossima
    Leryn di Libera tra i Libri
    Ps: mi sono aggiuntata ai Lettori fissi del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leryn, io ti consiglierei di leggerlo, almeno ti togli i dubbi che hai al riguardo! Io ero titubante da molto tempo e alla fine ho deciso di dargli un'occasione.
      Un saluto e un abbraccio a te!
      Grazie per esserti aggiunta ai miei lettori fissi, corro a seguirti a mia volta😁

      Elimina
  3. Interessante..una delle poche volte in cui ho sentito dire che la sceneggiatura del film è migliore del soggetto da cui è tratto...almeno così mi è parso di capire dal tuo piccolo accenno. Il Fantasy a volte può essere eterno invece altre può risulatre godibile per il preciso periodo in cui è stato scritto, almeno per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho inteso proprio quello che tu hai specificato 😊

      Elimina
  4. Ciao, avevo visto il film e l'ho amato tantissimo. Alcuni anni fa ho letto il libro e sono d'accordo con te. La prima parte mi è piaciuta tantissimo, la seconda mi ha un po' annoiata. Sembrava non finisse più: una storia infinita in tutti i sensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia! Hai espresso il mio stesso pensiero, continuavo a guardare quante pagine mancavo e non mi entusiasmava per nulla. Peccato, perché la prima parte è davvero bellissima!

      Elimina
  5. Mi dispiace che non ti abbia preso come speravi.. Effettivamente il libro è un pò diverso dal film e anche io quando l'ho letto ho avuto un pò la tua stessa impressione però alla fine non mi è dispiaciuto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel complesso non sono dispiaciuta di averlo letto, speravo solo che continuasse a stupirmi come nella prima parte 😊

      Elimina
  6. Non ho mai letto il libro ma il film l'ho visto; da piccola lo adoravo anche se nel rivederlo da "grande" avrei dato un paio di sberle a Bastian! :p

    RispondiElimina
  7. Nooonononono....2 stelle alla storia infinita nonnono! :P
    L'ho letto quando forse avevo 15 anni, e ne sono rimasta affascinata. Ancora oggi lo ricordo molto bene.
    Io credo che il tuo disappunto derivi dal fatto che avendo visto il film ( che racconta la prima parte) tu ti aspettassi che il libro fosse tutto là, e le tue aspettative sono rimaste deluse dalla storia che cambia completamente diventando più seria e impegnativa. Ende ha creato una storia originale e magnifica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciamo 😘❤
      Ti avevo avvisata via mail che purtroppo non mi aveva soddisfatta a pieno 😔

      Elimina
  8. Non nego che sarei curiosa di leggere come sia stata la concepita originariamente la storia. Leggendo il tuo post e sbirciando tra i commenti, mi sembra di capire che nella versione cinematografica siano stati esaltati solo i dettagli più interessanti. Il che non è una novità. Per adesso la aggiungerò alla mia wish list. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film si ferma a metà della trama, quella più bella. Ti consiglio comunque di leggerlo, perché è un titolo che non può mancare per gli amanti del genere fantasy 😘

      Elimina
    2. Grazie per il consiglio. ;-)

      Elimina
    3. Di niente, mi fa solo piacere 😊

      Elimina
  9. Bastiano strafottente?
    Più che strafottente, mi sembra invece un protagonista in evoluzione e alla ricerca di se stesso (considerando che Ende per crearlo si è ispirato a un bambino malato, che lui conosceva, e che ha duramente lottato contro una malattia gravissima. La malattia, appunto, è quella che poi lui chiama il Nulla).
    Mi dispiace, io ho un'altra visione concettuale di questo capolavoro.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca!
      Nella seconda parte a molti è apparso straffottente. È sempre bello però vedere che da un testo possono derivare differenti interpretazioni! 😊

      Elimina
  10. Ciao vengo dal blog di Cristina. Bella questa rubrica. La storia infinita è un libro che devo leggere, visto il film tempo fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il complimento!😍 Sì, è un libro che non può mancare di essere letto!

      Elimina